Importante comunicazione sul 5 x 1000

Home / News / Importante comunicazione sul 5 x 1000
Entro il 30 giugno 2020 il legale rappresentante degli enti del volontariato iscritti per la prima volta nell’elenco degli Enti beneficiari del 5xmille, o che abbiano avuto variazioni nella rappresentanza legale, deve trasmettere con raccomandata A/R alla Direzione Regionale dell’Agenzia delle entrate nel cui ambito si trova il domicilio fiscale dell’ente la dichiarazione sostitutiva, che si allega, accompagnata dalla copia di un documento di riconoscimento.
In alternativa, la dichiarazione sostitutiva può essere inviata dagli interessati con la propria casella di posta elettronica certificata alla casella PEC della Direzione Regionale:
 
riportando nell’oggetto “dichiarazione sostitutiva 5 per mille 2020” e allegando copia del modello di dichiarazione, ottenuta mediante scansione dell’originale compilato e sottoscritto dal rappresentante legale, nonché copia del documento di identità.
Il 30 giugno 2020 gli enti del no profit che, nell’anno solare precedente, abbiano ricevuto finanziamenti dalla pubblica amministrazione o da altre società controllate dallo Stato per una cifra superiore a 10mila euro hanno l’obbligo di pubblicazione on line sul proprio sito web.
Come specifica la normativa. gli enti non profit coinvolti dall’obbligo previsto dalla Legge 124/2017 sono:
– Le associazioni di protezione ambientale a carattere nazionale ovvero quelle presenti in almeno cinque regioni, individuate con decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare ai sensi dell’articolo 13 della legge 8 luglio 1986, n. 349 (“Istituzione del Ministero dell’ambiente e norme in materia di danno ambientale”);
– Le associazioni dei consumatori e degli utenti rappresentative a livello nazionale, di cui all’articolo 137 del Codice del consumo (decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206);
– Le associazioni, le onlus e le fondazioni che intrattengono rapporti economici con: le pubbliche amministrazioni e i soggetti di cui al citato articolo 2-bis del decreto legislativo n. 33 del 2013; società controllate di diritto o di fatto direttamente o indirettamente da pubbliche amministrazioni e società in partecipazione pubblica, ivi comprese quelle che emettono azioni quotate in mercati regolamentati e le società da loro partecipate.
– Le cooperative sociali che svolgono attività a favore degli stranieri di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286.

Il modulo per la pubblicazione è compilabile al seguente link:  https://italianonprofit.it/strumenti/l124/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *